BEAUTY e bellezza in oriente

La bellezza è frutto di equilibrio tra interiore ed esteriore e pertanto parte da una profonda conoscenza di sé stessi,
di più possiamo affermare che la bellezza non è la perfezione di forme, ma armonia e  buona funzione di organi e mente

in OCCIDENTE  si arriva a bellezza attraverso il concetto di “grazia” che si rivela nel volto e nel portamento. Questo  induce ad elevati sentimenti, è una sorta di aura di luce
in ORIENTE il concetto è espresso dalla capacità di guardarsi dentro e di coltivare la propria armonia inseriti nel mondo.
Questo guardarsi dentro si chiama NEISHI , e non parla solo dell’introspezione psicologica o spirituale, ma anche propriamente corporea. Si parla cioè del “sentire” come funziona il proprio corpo, come se ci si potesse guardar dentro. E’ una forma mentis che si acquisisce con la pratica delle varie tecniche corporee che fanno parte della tradizione cinese.
E siccome emblema di questo pensiero è molto spesso il TAIJI con la sua forma tonda, bianco e nero. Anche al culmine del bianco c’è sempre un po’ di nero e viceversa, una delle capacità peculiari di questo guardare e sentire dentro si rifà  quindi allo “sciogliere i nodi”(SONGJING).
I nodi esprimono le contraddizioni della mente e la loro risoluzione non significa scioglierli, ma integrarli rendendo un tutto fluido e tondo, e vivere ed attraversare questa integrazione.

Torniamo ad alcune nozioni: sappiamo che ogni organo ha una sua emozione detta “Ben Shen”.  Per il cuore avremo SHENhttp://www.lauramoroni.com/shen-il-misterioso/ che rappresenta il centro della persona, il suo spirito vitale. E  per il rene lo ZHI che rappresenta la volontà e la capacità di agire. Lo YI per la milza che rimanda al pensiero, la riflessione. Da ultimi lo HUN per il fegato che parla di creatività e il PO del polmone che riporta all’istinto vitale. Ecco questi sono i Ben Shen, e essi trovano espressione, come tutte le cose nella cultura cinese, anche nel nostro aspetto esteriore.  Infatti
-Shen rappresenta il COLORITO della pelle.
-Zhi la sua PIGMENTAZIONE, vista la correlazione anche con le strutture ormonali.
-Yi la SECREZIONE SEBACEA.
-Hun la MIMICA e quindi i muscoli facciali.
-Po la STRUTTURA della pelle, e quindi se c’è più o meno tessuto connettivo, se c’è adipe e così via.

Siamo arrivati ora a parlare ancora dei 5 Elementi, trattando il nostro aspetto esteriore.

Come si può notare viene data una grande rilevanza allo psichismo degli organi, e quindi partendo da ciò arriveremo a parlare di ciò che si può fare, intenzionalmente, per far sì che la bellezza si mantenga e ci accompagni nel nostro cammino.
Avremo bisogno di: BUONI CIBI, nel senso di adatti alla nostra costituzione e che seguono il ritmo delle stagioni. BUONI RITMI soprattutto quello del sonno-veglia.  Valutiamo anche il respiro, come capacità di alimento “aereo”. BUON VIVERE con i famosi “nodi” possibilmente sciolti, per godere della nostra serenità . BUON ACCUDIMENTO che si può tradurre in rispetto, per evitare ciò che danneggia: fumo,farmaci inutili,stress eccessivo, sole eccessivo e così via.
Ora facciamo un tuffo nel passato, un po’ come in quel film di qualche anno fa “il ventaglio segreto” dove si parlava di 2 giovani donne amiche nella Cina di oggi. Le due donne si muovevano avanti e indietro nel passato scoprendo le loro radici, e facendo questo raccontavano di una antica tradizione che era quella della fasciatura dei piedi.
I piedi delle donne venivano tradizionalmente fasciati fin da giovinette, e questa era considerata una pratica delle classi benestanti ad indirizzo erotico per gli uomini. In realtà costringendo la moglie a non poter camminare agilmente rimarcavano il loro possesso assoluto su di lei.
Il povero piede veniva fasciato dalla madre strettamente per ripiegare le dita sotto la pianta ed avvicinare questa al tallone.
Piedi piccoli, dunque, detti “loto d’oro” che toglievano ogni personalità alla donna rendendola solo oggetto erotico, tutto questo durò fino alla nascita della Repubblica Popolare Cinese nel 49.
….”quand’ero bambina anch’io soffrivo, come te,
ma voglio che i tuoi piedi siano così piccoli
da guadagnarti un posto in società
ecco perché voglio dedicare
questo tempo alla fasciatura”(Lin Qinnan)

Liberamente tratto da “agopuntura e tuina: i trattamenti di bellezza in MTC”, C Di Stanislao, R Brotzu e M Semizzi
“la figura della donna nella cina tradizionale” www.agopuntura.org

by

Mi chiamo Laura Moroni, Il sito e quello che vedete nascono dalla mia passione per la Medicina Cinese e le medicine alternative tutte

Lascia un commento